"La politica è la passione della mia vita", ripete spesso Alessandro Battilocchio, che ha dedicato all´impegno politico quelli che un noto cant'autore italiano chiama "I migliori anni della vita", bruciando tutte le tappe, grazie all´entusiasmo, alla fiducia ed al sostegno dei cittadini.

Entra nelle giovanili del partito socialista proprio quando il PSI sta chiudendo i battenti e continua una battaglia coerente, all´insegna delle sue idee. Partecipa sin dall´inizio alla costruzione del Nuovo Psi e si lega a Gianni De Michelis, accanto al quale è sempre costantemente rimasto in questi anni, anche nel corso del mandato che li ha visti insieme a Bruxelles, eletti con le preferenze nella lista dei "Socialisti Uniti per l´Europa".

Fino al 2009 è parte integrante del progetto della "Costituente socialista", che vede insieme SDI, Nuovo Psi ed altri provenienti da esperienze diverse: si tratta dell´ennesimo tentativo, purtroppo non riuscito, di rimettere insieme una forza che si richiami al glorioso PSI.
Quella del 2009 è stata la sua ultima tessera di Partito.

Accanto al lavoro in ambito diplomatico e nella Cooperazione internazionale, l´impegno politico prosegue, soprattutto attraverso una presenza capillare sul territorio, mettendo la sua esperienza personale al servizio di Amministratori comunali, scuole, realtà del volontariato, associazioni e cittadini.